EXAGERE RIVISTA - Settembre-Ottobre 2019, n.9-10 anno IV - ISSN 2531-7334

La crisi dello storytelling e i rischi della banalizzazione del senso. Intervista a Paolo Fabbri

di Gianfranco Brevetto -Il problema non è lo studio delle cause, modello scientifico derivato dalle scienze naturali, occorre, invece, comprendere il senso che assumono gli eventi. L’idea è quella di mettere il senso in condizioni di significare com'è [...]

La questione dell’amore e dell’identità. Intervista a Michela Marzano

di Federica Biolzi - Si ha tendenza a non aprirsi all'alterità, perché rimette in discussione le proprie certezze. Questo è un secolo di chiusura e tutto ciò che riguarda l’empatia, l’ascolto, la rimessa in discussione, viene rifiutato.

Mediterraneo e Medio-Oriente, impegno e passione nell’analisi geopolitica. Intervista a Gilles Kepel

di Gianfranco Brevetto - Io credo che abbiamo, come europei, una responsabilità politica, diplomatica, economica, culturale e militare da assumere per gestire le nostre relazioni con i in nostri vicini nel Mediterraneo. Ciò che richiede l’apertura di un dialogo.

Dintra st’immensu magazzinu di spiranza. Poesia e Mediterraneo in un’intervista a Enzo Mancuso.

di Gianfranco Brevetto - Il siciliano è una lingua a volte dura ma, al tempo stesso, tradisce possibilità di dolcezza infinita, i suoni chiusi sono, spesso, suoni di un’introversione che invita ad essere scoperta

La complessità dell’esistenza umana e la sua storia. Intervista a Rita Biancheri

di Federica Biolzi - È necessario tener conto del soggetto, della persona, delle sue condizioni di vita e, quando insorge la malattia, che cosa l’evento malattia produce nella storia di vita. Il percorso terapeutico, senza questi elementi, non è [...]

La natura umana è mescolanza. L’inconsistenza del concetto di razza primordiale nel libro di David Reich

di Federica Biolzi - Oggi tante persone danno per scontato che gli esseri umani possano essere raggruppati biologicamente in gruppi primordiali, che corrispondono al nostro concetto di razza, le cui origini sarebbero le popolazioni separatesi decine di millenni or [...]

Tenersi sulla via della memoria. Emil Cioran, lettere a Petre Tutea

di Gerolamo Sirena - E' nell'insonnia che non tramonta lo spirito di quel legame ed appartiene all'insonnia quell'eccedenza che rende, in qualche modo, i due interlocutori intangibili e proprio per questo non addomesticabili, inadeguati a qualsiasi luogo finito, a [...]

Servono momenti di scambio reale. Intervista ad Alessio Rocco Ranieri

di Luigi Serrapica - La prima cosa che serve nell’empatia è l’attenzione: per essere empatico devo essere attento a certi dettagli che la persona con cui interagisco emette, come il tono della voce o un’espressione facciale. Se si [...]

Showing all 14 results
error: Content is protected !!